Navigation

Giovanni Antonio Dosio, Marble Bust of Battista Cicala Zoaglio, circa 1560

Giovanni Antonio Dosio, Marble Bust of Battista Cicala Zoaglio, circa 1560


Giovan Antonio Dosio (San Gimignano 1533 – Caserta 1610)
PORTRAIT BUST OF BATTISTA CICALA ZOAGLIO (1484-1565)
Senator of the Most Serene Republic of Genoa
Carved marble, circa 1560
H. cm 89

Renowned as one of the most prominent Italian architects of the latter 16th century, thanks to projects such as his remodellings of the churches of San Martino and Girolamini in Naples, Giovan Antonio Dosio (San Gimignano 1533 – Caserta 1611) also stood out as a sculptor and portraitist, creating mainly funerary monuments for the most illustrious figures of the time, including Annibal Caro (Rome, Basilica of San Lorenzo in Damaso) and Michele Antonio di Saluzzo (Rome, Basilica of Santa Maria in Aracoeli).
Recently attributed to Giovan Antonio Dosio’s hand, the bust presented here depicts Battista Cicala Zoaglio, Doge of the Most Serene Republic of Genoa from 1561 to 1563. Through this half-length portrait in senatorial dress, the sculptor offers us a solemn yet introspective view of the man, underscoring the importance of the statesman’s role while also highlighting his intellectual nature.
Eyes penetrating from deep sockets, a lean angular skull, a broad hooked nose, lips barely visible among beard: these are the powerful physiognomic features indicating a direct acquaintance between Giovan Antonio Dosio and Battista Cicala Zoaglio, which probably occurred during one of the Senator’s many diplomatic engagements. These features are confirmed in some official paintings depicting the subject in Doge’s attire.

Published in: R. Spinelli, I busti scolpiti e una novità, in Giovan Antonio Dosio, da San Giminiano architetto e scultor fiorentino tra Roma, Firenze e Napoli, by Emanuele Barletti, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Florence 2011, pp. 205-209.

About the artwork see also >

Contact us for further information >



Giovan Antonio Dosio (San Gimignano 1533 – Caserta 1610)
BUSTO DI BATTISTA CICALA ZOAGLIO (1484-1565)
Senatore della Serenissima Repubblica di Genova
Marmo scolpito, 1560 circa
H. cm 89

Conosciuto come uno dei più importanti architetti italiani della seconda metà del XVI secolo, grazie a interventi come la ristrutturazione della chiesa di S. Martino e della chiesa dei Girolamini a Napoli, Giovan Antonio Dosio (San Gimignano 1533- Caserta 1611) si distinse anche come scultore e ritrattista realizzando primariamente monumenti sepolcrali di celebri personalità dell’epoca, come Annibal Caro (S. Lorenzo in Damaso a Roma) e Michele Antonio di Saluzzo (Santa Maria dell’Aracoeli a Roma).
Recentemente attribuito allo scalpello di Giovan Antonio Dosio, il busto qui presentato raffigura Battista Cicala Zoaglio (1484-1565), Doge della Serenissima Repubblica di Genova dal 1561 al 1563.
Il personaggio – ritratto a mezzo busto vestito con l’abito senatoriale – ci restituisce un’immagine solenne ma, al tempo stesso, intima del gentiluomo, sottolineando da un lato l’importanza del ruolo ricoperto e dall’altro il temperamento intellettuale dell’effigiato. Gli occhi incavati nelle orbite profonde, il cranio scarno, asciutto, il naso largo, adunco, la bocca appena percepibile tra la barba, sono tutti elementi di forte caratterizzazione fisionomica che lasciano supporre una conoscenza diretta tra lo scultore ed il ritrattato, avvenuta probabilmente durante una delle ambascerie del Senatore, e trovano conferma in alcuni dipinti ufficiali che raffigurano Cicala Zoaglio in abiti da Doge.

Pubblicato in: R. Spinelli, I busti scolpiti e una novità, in Giovan Antonio Dosio, da San Giminiano architetto e scultor fiorentino tra Roma, Firenze e Napoli, a cura di Emanuele Barletti, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Firenze 2011, pp. 205-209.

A proposito dell’opera vedi anche >

Per maggiori informazioni >