Navigation
Un Candeliere ‘a Tempo’

Un Candeliere ‘a Tempo’

Questo curioso e raro marchingegno in ferro forgiato e inciso appartiene alla grande categoria dei candelieri da tavolo e viene anche classificato come candeliere ‘a tempo’ perché permetteva di calcolare empiricamente la durata della fiamma della candela.
Questo raffinato oggetto è costituito da un piattello quadrato, sagomato e inciso sorretto da quattro sottili gambette parzialmente ritorte con piedi a conchiglia; al centro del piattello si erge un piccolo fusto lavorato, sulla cui sommità è imperniata una sorta di forbici a molla elegantemente sagomate e incise che fungono da smoccolatoio. Al piattello è fissato un manico lavorato terminante a conchiglia, utile per il trasporto del lume da una stanza all’altra.
Intorno al fusto veniva arrotolata una particolare candela: una specie di gomitolo di filo cerato la cui estremità andava bloccata tra le lame delle forbici sporgendo di qualche centimetro. Una volta accesa la candela, questa si consumava sino al punto in cui la fiamma raggiungeva le forbici, che andavano a spegnerla automaticamente.
Ipotizzando che un centimetro di candela potesse corrispondere a 15 minuti di luce circa, si poteva dunque prestabilire la durata della luce a seconda della necessità, impostando la lunghezza della candela lasciata al di sopra delle forbici. Un intero gomitolo di filo cerato poteva durare fino 70 ore, e questo sistema rappresentava anche un modo di economizzare il consumo della candela stessa.

CANDELIERE ‘A TEMPO’
Ferro forgiato e inciso
Italia settentrionale
Sec. XVIII
Cm 11 x 18 x 14 H
Riferimenti : AA.VV., Antichi Strumenti dalla Collezione Nessi, Milan 2004, p. 334; Vittorio Fagone, Il momento artigiano: aspetti della cultura materiale in Italia, Milan 1976, p. 39; AA.VV., Objets civiles domestiques, Imprimerie Nationale, Paris 1984, p. 430, n° 2064.