Navigation

Pastoral Scene after Francesco Londonio, 18th century

Pastoral Scene after Francesco Londonio, 18th century


Francesco Londonio (Milan 1723-83), after
PASTORAL SCENE
Embossed, engraved and gilded copper
Late 18th century
Cm 14.5 x 18

A rare example of the three-dimensional approach setting out from a two-dimensional image, this carefully executed high relief faithfully reproduces an etching by the well-known painter and engraver Francesco Londonio.
Born in Milan into an aristocratic family of Spanish origins, Londonio was a pupil of prominent local painters and mastered the techniques of artists in the category, such as Il Grechetto, succeeding in creating cycles of engravings and paintings that would charm Milan’s 18th bourgeoisie, including figures such as Count Firmian, governor of the Duchy of Milan, and the Borromeo family; he also worked for Empress Maria Theresa of Austria.
The original etching this plaque is based on was part of a series the same artist dedicated to Cardinal Pozzobonelli between 1758 and 1759. It is one of the first pieces in which Londonio invented a scene with the viewpoint rising upwards from below, with several subjects arranged at various levels, creating a complex composition of different animals and a single human character placed in the background.
Revealing an artful use of embossing and chasing, the author of this plaque managed to highlight the analytical portrayal of the animals, arranging them three-dimensionally at separate levels: from the stiacciato in the background, with the shepherd and the horse, to the low-relief of the ram, through to the high relief of the goat and her kid in the foreground. Skilled use of the chisel perfectly evokes the various animal coats, while the same care is also reserved for the landscape, both in the meadow and the sky, respecting and reproducing the detailed description created by Londonio in his original etching.

References: Catalogo ragionato delle incisioni di FRANCESCO LONDONIO, edited by Monica Scola, EDI.ARTES, Milan 1994

Contact us for more info >



Francesco Londonio (Milano 1723-83), da
SCENA BUCOLICA
Rame sbalzato, cesellato e dorato
Fine sec XVIII
Cm 14,5 x 18

Raro esempio di traduzione tridimensionale a partire da un immagine bidimensionale, questo accurato altorilievo ripropone fedelmente un’acquaforte del celebre pittore-incisore Francesco Londonio.
Nato a Milano da una nobile famiglia di origine spagnola, il Londonio fu allievo di importanti pittori locali ed assimilò la lezione di pittori di genere, come il Grechetto, riuscendo a realizzare cicli di incisioni e dipinti che affascinarono la nobiltà e la borghesia milanese del Settecento, personaggi come i Borromeo, il Conte Firmian, governatore del Ducato di Milano, e lavorò anche per l’Imperatrice Maria Teresa d’Austria.
L’incisione originale da cui deriva questa placca, faceva parte di una serie dedicata dallo stesso artista al Card. Pozzobonelli tra il 1758 ed il 1759, ed è tra le prime opere in cui il Londonio inventa una scena con uno sguardo dal basso all’alto e diversi soggetti disposti su più piani, creando una composizione complessa con differenti animali e un unico personaggio collocato sullo sfondo.
Dimostrando un sapiente uso dello sbalzo e del cesello, l’autore di questo rilievo riesce a far risaltare la descrizione analitica degli animali, disposti tridimensionalmente su diversi piani: dallo stiacciato di fondo con il pastore e il cavallo, al bassorilievo con il montone, fino all’altorilievo della capra con il suo capretto in primo piano. L’uso consapevole del cesello riproduce perfettamente le diverse tipologie dei manti degli animali, così come la stessa attenzione viene posta anche nella trattazione del paesaggio, sia nel prato che nel cielo, rispettando e riproducendo la descrizione dettagliata creata dal Londonio nell’acquaforte originale.

Riferimenti: Catalogo ragionato delle incisioni di FRANCESCO LONDONIO, a cura di Monica Scola, EDI.ARTES Milano 1994

Per maggiori informazioni >